News

Indagine svolta tra i partecipanti alla seconda festa del parco fluviale

Il parco che piace ai cuneesi

12 July 2006

Sarebbe la spiaggia creata lungo in torrente Gesso all’altezza del Santuario degli Angeli, il luogo del parco fluviale preferito dai cuneesi: è quanto è emerso da una piccola indagine svolta tra i partecipanti alla seconda festa del parco fluviale, tenutasi il 22 giugno scorso.

Proprio in quella occasione “Gesso beach” è stata infatti presa d’assalto da numerosi bambini e rispettivi genitori a cui è sembrato addirittura di essere al mare; per tutta l’estate così anche i bambini di Cuneo potranno giocare a spiaggia. Per mantenerla intatta ovviamente è necessaria la collaborazione di tutti a cui è chiesto di non accedervi con cani, cavalli o altri animali e di non abbandonarvi rifiuti.

Altrettanto apprezzata risulta l’area attrezzata per il pic nic sotto il Santuario degli Angeli - dove si è svolta la festa - che consente a giovani e anziani di ritrovarsi in compagnia, immersi nella natura e a due passi dal centro. Si tratta infatti di un’area particolarmente curata e che è stata anche ampliata grazie alla collaborazione con il Centro diurno Mistral e il Gruppo comunale dei volontari di Protezione Civile che si occupano della pulizia, dello sfalcio dell’erba, degli arbusti e dei rovi. Nella stessa zona è stata recentemente installata una fontana con acqua potabile a disposizione di tutti coloro che frequentano il parco.

Gli sportivi ovviamente non hanno mancato di esprimere la loro preferenza per la pista ciclabile appena ristrutturata, con tratti estremamente interessanti dal punto di vista naturalistico e paesaggistico: qualcuno ha sottolineato il passaggio a fianco di un bel campo di granoturco. Ancora opinioni favorevoli per la piscina e l’impianto artificiale di sci di fondo oppure, sullo Stura, per il laghetto per le canoe, il nuovo ponte ciclopedonale Vassallo, l’area pic nic, l’area naturalistica di Sant’Anselmo nei pressi di Bombonina.

Le opinioni espresse testimoniano come i cuneesi stiano prendendo confidenza con un parco capace di soddisfare esigenze estremamente differenziate: da quelle dell’adulto che cerca l’ombra per leggere il giornale in tranquillità a quelle del bambino a cui piace giocare con l’acqua; dal bisogno di fare sano sport allo sfizio di sdraiarsi al sole.

Condividi |