News

Bacheca del percorso tematico dedicato a Gino Giordanengo

Il parco fluviale ricorda Gino Giordanengo

04 June 2008

Sabato 19 aprile è stato inaugurato il primo percorso tematico storico-culturale del Parco fluviale Gesso e Stura dedicato al poeta cuneese Gino Giordanengo. Una bacheca e dieci leggii sono stati collocati lungo la discesa che dal Viale degli Angeli porta all’area relax sotto il Santuario; un’installazione, in particolare, è stata posta a fianco della “bialera” che Gino Giordanengo aveva difeso dall’ipotesi di intubarla, nel 1967, scrivendo un’appassionata lettera all’allora Sindaco, Tancredi Dotta Rosso.

Gino Giordanengo è stato un cuneese profondamente legato alla sua città e ai fiumi; direttore dell’Ente Provinciale per il Turismo quando ancora la Granda era un angolo sconosciuto del Piemonte e di turistico aveva ben poco, ma soprattutto un cuneese che con il territorio fluviale, e tutto ciò che esso significa, ha avuto un rapporto strettissimo, un testimone di quanto i fiumi abbiano inciso sulla vita della città e dei suoi cittadini. Per questo il Parco fluviale Gesso e Stura ha scelto di dedicare a Gino Giordanengo uno dei suoi percorsi tematici. Un percorso che vuole essere una sorta di viaggio attraverso tradizioni e abitudini di vita, suggestioni ed emozioni, con al centro sempre, inevitabilmente, i fiumi. Mezzo di questo viaggio i pensieri e i versi del poeta cuneese, accanto alle opere di artisti a lui contemporanei come Prandoni, Marabotto, Lattes, Scoffone, Tribaudino, Francotto, Olivero, che quel pezzo di storia della nostra città, dipinto nelle parole di Gino, hanno messo su tela.

Condividi |