News

Il planetario itinerante più grande d’Italia

Un salto nell’Universo

06 ottobre 2008

“Un salto nell’Universo” è il titolo della manifestazione che il Comune di Cuneo, con il Parco fluviale Gesso e Stura, e l’associazione Pro Natura Cuneo hanno organizzato per la fine di settembre.

Dal 26 settembre al 5 ottobre, dunque, un intenso programma di iniziative dedicate all’astronomia e all’osservazione del cielo stellato. Anzitutto nel chiostro di Palazzo San Giovanni – Via Roma n. 6 Cuneo – è stato allestito il planetario itinerante più grande d’Italia, che con una cupola metallica di 6,70 metri racchiude una macchina in grado di simulare il cielo stellato, visibile ad occhio nudo in condizioni ottimali, attraverso la proiezione di oltre 3500 stelle. Mediante lezioni guidate dal gruppo astrofili ferraresi “Columbia” vengono illustrate le Costellazioni e le loro leggende e i principali movimenti della Terra e degli Astri. Erano previste anche le visite per le scolaresche e complessivamente si sono contati quasi 3000 visitatori.

Sempre nello stesso periodo è stato esposto il sistema solare in miniatura lungo il viale degli Angeli, a partire da Corso Dante fino al Santuario. La distanza Sole-Plutone, che è di ben 5,9 miliardi di chilometri (39 volte la distanza Terra-Sole), nel modello è risultata di 1876 metri ed in proporzione sono state anche rappresentate le distanze e le dimensioni di tutti gli altri componenti il sistema solare, che, con la scala adottata, avevano diametri estremamente ridotti, addirittura di pochi millimetri.

Inoltre sono state organizzate le conferenze di Ester Antonucci, direttore dell’Osservatorio di Pino Torinese, “Il sole ed il sistema solare: una nicchia nell’Universo” il 26 settembre, e del giornalista Piero Bianucci “Cieli rubati” il 3 ottobre, alle ore 21 presso il Cinema Monviso.

Infine una serata di osservazione del cielo all”aperto, sotto il Santuario degli Angeli, con il telescopio trasportabile più grande d’Italia dell’Associazione Astrofili Bisalta e nelle giornate del 28 e 29 settembre e del 5 e 12 ottobre l’apertura di villa Oldofredi Tadini con la mostra “Passioni e curiosità scientifiche di un tempo”: strumenti per l’osservazione, planetari, libri e curiosità scientifiche.

Condividi |