News

I quattro volontari del parco

Concluso l’anno di servizio civile volontario al Parco fluviale Gesso e Stura

05 febbraio 2009

Si è concluso mercoledì 4 febbraio l’anno di servizio civile volontario al Parco fluviale Gesso e Stura svolto presso il Settore Ambiente e Mobilità del Comune di Cuneo da quattro giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni: Loredana Gessa, Daniele Landra, Sara Marino e Sergio Pozzi. Già la scorsa settimana erano stati ricevuti e ringraziati personalmente dal Sindaco, Alberto Valmaggia, e dall’assessore all’Ambiente e Mobilità, Guido Lerda, per il prezioso lavoro prestato a favore del parco fluviale nei dodici mesi. Lavoro che gli stessi volontari hanno documentato e riassunto con un video autoprodotto, carico di ricordi, di soddisfazioni e di emozioni.

Un anno di intenso e appassionato lavoro di gruppo su diversi aspetti della gestione del parco: dalle attività di comunicazione con i cittadini e organizzazione eventi, alla didattica mediante accompagnamenti naturalistici, dalla manutenzione delle aree attrezzate e dei percorsi ciclo-naturalistici, fino a progetti di ricerca tecnico-scientifica volti a tutelare e valorizzare il territorio del parco.

Tra le varie attività, i ragazzi hanno anche avuto l’opportunità di organizzare autonomamente un evento nel parco dedicato ai loro coetanei: così è stata ideata la manifestazione “Parco party” che si è svolta la sera del 28 settembre 2008, in occasione della festività patronale di Cuneo, con una merenda sinoira seguita da un concerto. Ma nell’arco dell’anno sono state numerose le iniziative a cui hanno preso parte i quattro ragazzi: dalle domeniche ecologiche al “Parco sotto assedio”, le escursioni a piedi e in bicicletta, la “Festa del parco”, la “Bat night”, ecc.

Inoltre hanno elaborato e realizzato alcuni progetti tecnici di riqualificazione ambientale o di strutture che favoriscono l’accessibilità e la fruizione del parco stesso, ideato prodotti grafici per la pubblicizzazione di eventi e manifestazioni varie, affiancato la guida parco nelle uscite con le scolaresche, realizzato piccoli lavori di manutenzione e di perimetrazione dell’area protetta.

Questo era quanto previsto nel progetto “Obiettivo parco” che li ha visti impegnati per trenta ore settimanali e di cui loro scrivono:

"Le iniziative sono tante e di abilità nel saper fare ne servono parecchie. Fortuna vuole che noi siamo quattro soggetti molto diversi e nello stesso tempo complementari: messi insieme facciamo una forza. La creatività, la manualità, la flessibilità, l’adattabilità sono dei requisiti che certo non ci mancano, il tutto è ben condito da nozioni progettuali, naturalistiche, artistiche e di animazione che ogni giorno hanno modo di svilupparsi in mille modi diversi e di certo la monotonia non è di casa e nessuno si sottrae mai ad una nuova iniziativa, sia per dare il proprio contributo, sia per far incetta di esperienze. Talvolta capita di essere di supporto ad un team di lavoro, altre volte ci è data la possibilità di agire autonomamente, dallo sviluppo dell’idea al progetto fino alla messa in opera. Certo, in tutti i casi la soddisfazione è grande perchè si può intervenire in prima persona, in situazioni di pubblica utilità, e constatare che il nostro sforzo è apprezzato dai cittadini che fruiscono del parco è qualcosa di molto appagante"

Un’esperienza importante, dunque, per i volontari, ma non meno significativa per il Comune di Cuneo e il personale del Settore Ambiente e Mobilità che li ha ospitati e che ne sentirà senz’altro la mancanza!

Condividi |