News

Riapertura del guado

Il guado percorso in bicicletta

Demolita la pedancola sul Gesso e ripristinato l’attraversamento del torrente per la Mellana di Boves

30 luglio 2010

I più attenti frequentatori del Parco fluviale Gesso e Stura avranno certamente notato il diverso scenario osservabile percorrendo la pista ciclabile lungo il torrente Gesso, in prossimità del Santuario degli Angeli: l’area in cui sorgeva la pedancola costruita negli anni Novanta per collegare Cuneo alla frazione Mellana di Boves è stata infatti risistemata, con la completa demolizione della struttura, ormai ridotta a rudere, e la pulizia del tratto circostante.

L’intervento è stato realizzato anche a seguito del confronto tra l’Amministrazione Comunale e l’AIPO (Agenzia Interregionale per il Fiume Po), in cui si sono evidenziati l’inadeguatezza del ponte alle attuali normative idrauliche e il conseguente rischio che questo potesse risultare pericoloso in caso di piene eccezionali.

Parallelamente a questi, si sono conclusi anche i lavori di ripristino del guado che permette l’attraversamento del Gesso nella medesima zona. L’opera - ricostituita ogni anno dopo le piene primaverili, non appena si manifestano condizioni idrauliche idonee - mette in comunicazione il Santuario degli Angeli con quello della Mellana e segna un percorso che la popolazione locale frequenta da secoli. Il guado consente, inoltre, di raggiungere comodamente le località dell’Oltregesso a piedi o in bicicletta: chi ancora non conoscesse tali zone e fosse interessato a scoprirne le ricchezze paesaggistiche può seguire il “Percorso ciclabile Oltregesso, Cn 01”, che, come gli altri individuati nei dintorni di Cuneo, è segnalato con cartelli color marrone facili da riconoscere, caratterizzati da numeri progressivi e indicanti la direzione da seguire e le distanze per arrivare al cartello successivo e alla fine dell’itinerario. Il tracciato di questo e di altri sette percorsi cicloturistici (quattro dei quali presenti all’interno del Parco fluviale Gesso e Stura e tre snodati nelle campagne e nei centri prossimi a Cuneo) ’ illustrato nella carta turistica “Il Parco con la città dentro”, reperibile gratuitamente presso la sede e i punti informativi del Parco fluviale, oltre che nelle cartine contenute nel cofanetto “Il Parco in scatola”, acquistabile presso la sede del parco, in Piazza Torino 1, o l’URP del Comune, in via Roma 28.

Condividi |