News

Manifesto di: Archivio in cantiere #02

Archivio in cantiere #02 – Un tuffo nella memoria: foto, filmati e voci dal fiume

18 May 2011

Riuscite a immaginare pecore che pascolano su corso Solaro, poco lontano dal centrale Viale degli Angeli, gente che attraversa i fiumi su strette pedancole in legno o, ancora, intrepidi giovani che si tuffano nel Gesso da una piramide?

Impossibile?

Tutt’altro, come forse ricorderà chi ha passato i cinquant’anni e come dimostrano le suggestive o quantomeno insolite testimonianze raccolte nell’ambito del progetto “Archivio in cantiere”, avviato nel 2007 dal Parco fluviale Gesso e Stura per raccontare com’è cambiata la vita sul greto dalla prima metà del secolo scorso fino a oggi. Foto, filmati e racconti da cui riaffiorano - o tornano a galla, sarebbe il caso di dire - ricordi e sentimenti di chi, sui corsi d’acqua della città, è nato e cresciuto, stabilendo con essi un rapporto che oggi, scomparsi molti lavori e diminuiti gite domenicali e bagni estivi al fiume, appare quasi difficile da comprendere.

Documenti che, giovedì 26 maggio alle ore 21.00 presso il Cinema Monviso, saranno presentati al pubblico nell’ambito della manifestazione “La primavera dei Parchi” e in occasione della prima fase di restituzione del progetto, “Archivio in cantiere # 02”.

Per chi parteciperà alla serata, sarà un po’ come sfogliare un vecchio album di famiglia, in cui il Gesso e lo Stura rappresentano il filo conduttore: presenti allora, oggi e domani. Ci si potrà divertire a riconoscere luoghi e persone, riscoprendo le storie di incogniti bagni “alle lame” e incontri alla piramide, di allenamenti di ginnastica di piccoli Figli della Lupa e di spettacolari tuffi in piscina.

Non mancheranno, inoltre, vere e proprie chicche, come la proiezione di spezzoni dell’inedito “Il fantasma dello Stura”, film hippy girato sul greto del Gesso negli anni ’70, contenente, tra le altre cose, riprese dell’eclissi totale di sole verificatasi nel 1961, a cui molti cuneesi assistettero dal Parco della Resistenza.

Durante la serata, curata da Elena Valsania, la regista del film “Il fiume sotto casa”, i partecipanti riceveranno in omaggio la ristampa a tiratura limitata di una cartolina d’epoca e potranno, eventualmente, interloquire e condividere la propria memoria con tutti i presenti, arricchendo così la raccolta di testimonianze. Si ricorda, infatti, che il suddetto progetto è tuttora “in cantiere”, continuerà cioè ad accrescersi grazie al contributo di chiunque vorrà aiutare il Parco fluviale Gesso e Stura a conservare la memoria locale, con il rilascio di interviste o la consegna di foto e filmati d’epoca riguardanti le attività collegate ai due corsi d’acqua, che verranno digitalizzati e archiviati (l’archivio delle videotestimonianze conta attualmente oltre 20 ore di registrazioni ed è consultabile su DVD presso la sede del Parco fluviale Gesso e Stura o presso il Centro di Documentazione Territoriale di Cuneo). Gli originali verranno restituiti ai proprietari assieme a una copia omaggio su DVD e una copia del documentario “Il fiume sotto casa”.

Per info sulla serata di proiezione o sulla raccolta di testimonianze, è possibile contattare il Parco fluviale Gesso e Stura, telefonando allo 0171.444501 o scrivendo all’indirizzo e-mail parcofluviale(at)comune.cuneo.it.

Condividi |