News

Consegnato al Parco fluviale e al Comune di Cuneo il premio Ancitel per la Sostenibilità Ambientale

15 giugno 2012

“Per me che sono assessore all’Ambiente, con delega al Parco fluviale Gesso e Stura, delega che per la prima volta appare in Giunta, ricevere un premio di questo calibro è un buon punto di partenza, per tutti coloro che al Parco ci lavorano da anni è un riconoscimento importante e meritato per il lavoro svolto con passione” così il neo-assessore Davide Dalmasso commenta il premio consegnato ieri al Parco fluviale Gesso e Stura e al Comune di Cuneo per il Centro di Educazione Ambientale Transfrontaliero, in fase di realizzazione in zona Parco della Gioventù a Cuneo.

Il premio, indetto da Ancitel Energia e Saint-Gobain Italia, è stato consegnato ieri (14 giugno) all’assessore Dalmasso durante la cerimonia di premiazione della Terza Edizione del “Premio Sostenibilità Ambientale e Sociale per il Comune - Efficienza energetica e innovazione nell’edilizia” svoltasi a Roma.

La realizzazione del Centro rientra nell’ambito del Piano Integrato Trasfrontaliero (P.I.T.) “Spazio Transfrontaliero Marittime-Mercantour: la diversità naturale e culturale al centro dello sviluppo sostenibile ed integrato”, un progetto che il Parco fluviale Gesso e Stura sviluppa insieme al Parc National du Mercantour, al Parco Naturale delle Alpi Marittime, la Comunità Montana delle Alpi del Mare e altri partner italiani e francesi. Nello specifico il Parco fluviale è stato individuato come capofila del progetto “Creare oggi i cittadini dell’Europa di domani: educazione all’ambiente, allo sviluppo sostenibile e al bilinguismo sul territorio trasfrontaliero Marittime Mercantour”.

Il progetto ha ottenuto la menzione speciale per la categoria “edilizia comunale non abitativa” riservata alle Amministrazioni con popolazione superiore ai 10.000 abitanti. L'edificio, che ospita aule per la didattica, servizi e laboratori, è completamente integrato nel paesaggio e offre all'utente una esperienza univoca, ispirata ai principi di sostenibilità ambientale. La copertura verde che raccoglie al di sotto tutte le funzioni interne ed un ampio portico per l’accoglienza è praticabile e rappresenta la parte più suggestiva dell’esperienza didattica per il visitatore. La volontà di realizzare un intervento che rappresentasse il Parco fluviale Gesso e Stura, ha maturato la convinzione di un edificio nel quale il confine tra spazio interno ed esterno non fosse rigidamente definito e dove i percorsi di scoperta fossero molteplici, come quelli delle esperienze in natura.

Insomma, tutto il Centro esprime la volontà di fare educazione ambientale in una struttura che l’educazione ambientale la mette in pratica concretamente e fa vivere concretamente tutte quelle nozioni che ai ragazzi vengono solitamente spiegate solo in teoria. L’autonomia energetica dell’edificio infatti è resa esplicita in modo tale da poterla sfruttare anche a fini didattici.

“Tenevamo molto alle caratteristiche di bioedilizia e alta sostenibilità del nostro Centro, caratteristiche a cui abbiamo dato la priorità in fase di progettazione e realizzazione: per questo ricevere un premio come questo ci riempie di soddisfazione” il commento del direttore del Parco fluviale, Luca Gautero. Il Centro di Educazione Ambientale è stato progettato da uno studio di architetti associati di Roma, lo studio 1AX, coordinato dall’architetto Antonello Piccirillo.

Condividi |