News

Guide naturalistiche francesi in visita alla Casa del Fiume del Parco fluviale

Un gruppo di guide naturalistiche francesi in visita alla Casa del Fiume del Parco fluviale

10 aprile 2013

La scorsa settimana 11 aspiranti guide naturalistiche francesi, tutte di età tra i 18 e i 35 anni, sono venute in visita al Parco fluviale Gesso e Stura, come uscita sul territorio prevista dal loro corso di specializzazione. Si tratta di 11 stagisti del corso “BPJEPS (Brevet Professionnel de la Jeunesse de l’Education Populaire et du Sport) Activités de Randonnées”, che stanno frequentando le lezioni per diventare guide professionali nel centro di formazione dell’ADTRB di Sospel, in Valle Roya, nel Parco Nazionale del Mercantour.

L’ADTRB è un’associazione per lo sviluppo turistico delle Valli Roya e Bévéra che, tra le altre attività, ha un centro di formazione, attivo dal 1996, che forma animatori naturalistici e guide per escursioni in mtb e trekking. I ragazzi che seguono il corso vengono formati su diverse tematiche: pedagogia, orientamento, conoscenza degli ambienti, dei paesaggi e del patrimonio culturale locali, climatologia, geologia e animazione del territorio. Poi, naturalmente trekking, escursioni a piedi e in mtb. Un corso che dura un anno per un totale di 1405 ore di formazione, di cui 775 in aula e il resto sul territorio, tra uscite e attività pratiche.

Tra le altre uscite sul territorio il centro di Sospel ha deciso di scegliere anche il Parco fluviale Gesso e Stura, concretizzando così un rapporto che si era già instaurato grazie al Pit, il progetto integrato transfrontaliero sostenuto da fondi comunitari Alcotra, che permette di lavorare insieme ai territori che stanno di qua e al di là delle Alpi. “Un’opportunità che abbiamo colto con grande piacere – racconta Myriam Mas, la coordinatrice -: mi è sembrato interessante proporre ai ragazzi una giornata al Parco fluviale, per far scoprire loro l’area protetta, le sue strutture e le attività che propone”.

Dopo una mattinata alla Casa del Fiume, il nuovo centro di educazione ambientale del Parco, le future guide sono state accompagnate sui percorsi del Parco, fino all’Oasi della Madonnina di Sant’Albano Stura. “Siamo stati piacevolmente sorpresi – conclude Myriam – nel vedere la Casa del Fiume, sia sul piano architettonico che per la qualità delle attività didattiche e ricreative proposte, soprattutto ci ha colpito l’apiario didattico. Molto apprezzato da tutti noi anche il pomeriggio all’Oasi naturalistica La Madonnina, un arricchimento della nostra preparazione sul piano ornitologico e con osservazioni molto interessanti. Ringraziamo il Parco e la disponibilità delle guide che ci hanno accompagnato, per averci trasmesso il loro entusiasmo e la loro passione per un mestiere che domani sarà quello di coloro che oggi erano qui in visita. Ora non ci resta che ricambiare l’ospitalità!”.

Condividi |