News

Foto di gruppo

Quei ragazzi del Mistral che da 10 anni curano l’Area Relax del Parco fluviale

08 luglio 2015

Dieci anni di lavoro e impegno, a servizio della comunità e dell’ambiente. In questi giorni si è celebrato al Parco fluviale Gesso e Stura un compleanno importante, che ha visto protagonisti un gruppo di ragazzi del Centro diurno Mistral. Risale infatti al 2005 la convenzione che lega il Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, a cui appartiene il Centro gestito in appalto dalla Coop.Proposta 80, ed il Comune di Cuneo, gestore a sua volta del Parco, che ha messo le basi per una collaborazione estremamente preziosa, non solo per l’area protetta regionale ma anche per la città e per tutti i cittadini che quotidianamente frequentano il Parco.

Così, da dieci anni, un gruppo di ospiti del Centro diurno Mistral collabora con il Parco per piccoli lavori di manutenzione e pulizia, oltre a diverse attività laboratoriali e creative, a seconda delle necessità e del periodo. Ma l’impegno più grande per i ragazzi del Mistral è prendersi cura dell’Area Relax sotto il Santuario degli Angeli, una delle aree nel cuore del Parco e senza dubbio una delle più amate e fruite, specialmente nella bella stagione. Da dieci anni il gruppo di ragazzi del Mistral quell’area l’ha un po’ adottata e se ne prende cura, svolgendo attività che vanno dal giardinaggio allo sfalcio dell’erba, passando per piccole potature e l’irrigazione, oltre naturalmente alla pulizia e la manutenzione degli arredi dell’area pic nic.
Il Comune di Cuneo, dal canto suo, collabora con il Centro fornendo piccoli attrezzi ai ragazzi.

“Un’iniziativa estremamente preziosa ed importante per il Parco e per la città – spiega l’Assessore al Parco fluviale, Davide Dalmasso - perché , oltre a consentire di avere sempre a disposizione un luogo accogliente e curato per fare picnic a due passi dal centro città, fa del Parco fluviale uno strumento di socializzazione e di valorizzazione delle capacità di ciascuno”.

Lunedì scorso, in occasione di un pic nic proprio in quell’area che hanno adottato, il Parco ha voluto consegnare un riconoscimento ai ragazzi che da dieci anni lavorano per lui. Ma, soprattutto, a Davide, Giorgio, Entela, Marilena, Luca, Chiara, Daniele e Diego, oltre a tutti gli operatori del centro che li seguono costantemente e agli altri ragazzi che negli anni sono passati al centro, è andato il più sentito grazie del Comune e del Parco, a nome delle migliaia di persone che ogni anno la frequentano.

Condividi |