News

Attività didattiche al Parco

L’offerta didattica e formativa del Parco fluviale Gesso e Stura per l’a.s. 2016-17: ecco le novità

31 August 2016

Con la riapertura delle scuole il Parco fluviale Gesso e Stura presenta la sua offerta didattica e formativa per l’anno scolastico 2016-17 caratterizzata da tante novità sia come attività per le classi, dalla scuola dell’infanzia alla scuola secondaria di II grado, sia per quanto riguarda la formazione degli insegnanti.

Il primo appuntamento è fissato per mercoledì 7 settembre, alla Casa del Fiume, il centro di educazione ambientale del Parco situato in via Porta Mondovì 11a, per la presentazione delle proposte didattiche per le scuole, congiuntamente alle altre strutture comunali che si occupano di didattica quali il Complesso Monumentale di San Francesco, il Museo Casa Galimberti e la Biblioteca Civica di Cuneo. Il programma della giornata, al termine della quale verrà rilasciato un attestato di partecipazione valevole ai fini dell’aggiornamento, se concordato con le rispettive Direzioni Didattiche, prevede alle ore 15.30 una breve presentazione delle varie iniziative e successivamente la possibilità di visitare, a scelta dell’insegnante, le strutture e i luoghi di svolgimento delle attività con le scuole ossia: l’apiario e l’orto didattico, il Complesso Monumentale di San Francesco, il Museo Casa Galimberti e la Biblioteca Civica di Cuneo, con la possibilità di colloqui diretti e più approfonditi con il personale di riferimento per la didattica. Successivamente, nei mesi di settembre e ottobre, verranno organizzati altri incontri di presentazione delle proposte del Parco fluviale Gesso e Stura in altri comuni limitrofi.

È inoltre previsto nell’autunno un primo ciclo di incontri di formazione per insegnanti “Il Parco da scoprire”, in fase di riconoscimento da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale: 7 moduli indipendenti strutturati in lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche (è possibile partecipare anche solo a singoli incontri) incentrati su api e apicoltura, orticoltura, panificazione, biodiversità e aree umide, paesaggio e clima. L’obiettivo è quello di stimolare lo studio e la ricerca scolastica sulle tematiche dell’educazione ambientale in modo da diffondere in modo sinergico una cultura basata sul rispetto ambientale. Il programma dettagliato è in fase di definizione, tuttavia per maggiori informazioni su contenuti e costi è possibile contattare il Parco al numero 0171.444560 o via email: didattica.parcofluviale(at)comune.cuneo.it.

L’offerta didattica per le scuole, invece, si conferma molto diversificata per livelli scolastici e per tematiche, andando sempre ad inserirsi e adattarsi ai percorsi formativi sviluppati dalle singole classi: tratta di sostenibilità ambientale e impronta ecologica, di paesaggio e geologia, di ecosistemi e biodiversità attraverso api e insetti impollinatori, di mobilità sostenibile e biciclette e, per i più piccoli, di cinque sensi e suoni della natura. Le attività si possono svolgere sia presso La Casa del Fiume, l’apiario didattico e il vicino orto didattico, sia sul più vasto territorio del Parco che arriva a comprendere, ad esempio, l’Oasi naturalistica La Madonnina di Sant’Albano Stura con la Casa del Bosco appena inaugurata, il percorso tematico Parole di legno di Santa Croce di Cervasca, il percorso naturalistico di zona Bugialà e il Museo del Vecchio Mulino di Roccavione, la zona di risorgive I Sagnassi di Centallo. Per il nuovo anno scolastico sono previste anche alcune attività speciali con tariffe agevolate, pari a 2€ ad alunno (di qualsiasi livello scolastico e provenienza), per le giornate di accoglienza e la mostra tematica sull’avifauna che verrà allestita alla Casa del fiume a fine ottobre. Il catalogo completo, curato da La Fabbrica dei Suoni che gestisce le attività didattiche e promozionali del Parco nel triennio 2015-2018, è scaricabile dal sito nella sezione Imparare, per prenotazioni chiamare il numero 0171.444560.

Infine, il Parco fluviale propone alle scuole secondarie di I grado un progetto didattico gratuito, costituito da 3 incontri, per un uso consapevole della bicicletta in tutta sicurezza. L’attività, per un numero limitato di classi, è realizzata nell’ambito del progetto europeo ReVAL (Réseau Vélo Alpes Latines) per la promozione di oltre 600 km di itinerari cicloturistici nei dintorni di Cuneo, su strade a basso traffico e a contatto con natura. Il progetto è finanziato dal Programma Interreg Alcotra Italia - Francia 2014-2020. Possono partecipare all’iniziativa gratuita le scuole dei comuni aderenti al protocollo d’intesa firmato per la realizzazione del progetto.

Nel corso del precedente anno scolastico 2015-16 il Parco ha svolto complessivamente 141 attività didattiche con 254 classi e 4800 alunni di scuole provenienti per il 50% dal comune di Cuneo e dai comuni del Parco che godono di una tariffa agevolata, per il 42% dal resto della Provincia di Cuneo e in alcuni casi anche da fuori provincia, dalla Lombardia e dalla Liguria.

Particolarmente gettonate le attività connesse al mondo delle api anche grazie a una significativa collaborazione con la Condotta Slow Food Fossano che ha contattato il Parco per l’organizzazione di un corso di formazione per insegnanti proprio sul tema delle api e degli insetti impollinatori. La collaborazione è stata formalizzata poi da un’apposita convenzione che consentirà di avviare nuovi progetti e attività di educazione ambientale, ad esempio quest’anno legati al tema dell’olio connesso all’iniziativa Orto in Condotta. Non sono stati meno importanti i contributi alla didattica del Parco offerti da Roagna Vivai, che ha messo a disposizione piantini e attrezzature per il corso di orticoltura, e da Il Mondo dei fiori Garden di Boves, che ha fornito l’attrezzatura per la manutenzione del biolago della Casa del Fiume.

A tutti loro va il grazie dell’Amministrazione comunale di Cuneo che ha l’onore e l’onere di gestire quest’area protetta regionale ed è pertanto sempre grata a eventuali sponsor che possano in varie forme sostenere le attività di educazione ambientale e promozionali del Parco.

Condividi |