CN_06 - La fascia pedemontana

Logo progetto ReVAL

Percorso ad anello lungo la pregevole fascia pedemontana compresa tra i fondovalle Stura e Grana dotata di stradine secondarie ai piedi degli estremi rilievi intervallivi dai quali s’inoltrano nella fertile campagna. Il percorso costeggia prima le falde boschive tra Cervasca, Bernezzo e Vallera, alternando lievi ondulazioni che permettono scorci panoramici a monte e a valle. Attraversato l’abitato di Caraglio si entra nel territorio di Cuneo poco prima del torrente Grana. Ci si avvicina al capoluogo per poi nuovamente andare verso i monti zigzagando tra S. Defendente e Santa Croce, sino a Vignolo dove si riprende l’andamento pedemontano con la bella discesa finale tra i boschi di via Valdarello.

Partenza / arrivo: Cervasca Via Roma N 44.382860° E 7.468034°.

Possibilità di parcheggio auto presso i parcheggi in piazza Don Bernardi N 44.383423°, E 7.468498°.

Dati tecnici:

  • Dislivello: 310 metri circa
  • Sviluppo totale: 36 km circa
  • Quota di partenza: 578 metri
  • Altitudine massima: 694 metri
  • Difficoltà: FACILE
  • Manto stradale: prettamente su strade asfaltate

Periodo consigliato: marzo - novembre

Comuni attraversati: Cervasca, Bernezzo, Caraglio, Cuneo, Vignolo.

Roadbook del percorso: CN_06 [PDF]

Traccia GPX per il GPS: CN_06

Descrizione:

Itinerario circolare che permette di scoprire una rete di strade comunali secondarie quasi prive di traffico nelle quali pedalare in tranquillità per apprezzare i panorami circostanti. Da Cervasca in corrispondenza del Municipio imboccare subito sulla propria sinistra via Asilo per poi proseguire in una zona residenziale di recente edificazione sino a raggiungere via Boleto

Via Boleto
Via Boleto

dove ci si immerge nella campagna ai piedi dei boschi e con leggera ondulazione si raggiunge la strada provinciale n. 41 che ci conduce a Bernezzo. Si transita all’interno dell’abitato da dove si prosegue in direzione di Caraglio (consigliata, specialmente con i bambini, una visita al CRAS dove vengono curati numerosi esemplari di animali selvatici). All’uscita dell’abitato si raggiunge il campo sportivo dove si imbozza la strada per la frazione Vallera dove è presente un’area per picnic.

Area picnic frazione Vallera
Area picnic frazione Vallera

Questo primo tratto di strada permette di apprezzare il paesaggio dei boschi da un lato e i campi coltivati dall’altro, alternando lievi ondulazioni che permettono scorci panoramici a monte e a valle. Subito oltrepassato il centro della frazione si svolta a destra in direzione Caraglio (sosta presso l’antica chiesa di San Paolo dal bel campanile romanico)

Chiesa di San Paolo
Chiesa di San Paolo

che si attraversa fino a raggiungere la strada principale proveniente da Cuneo. Attraversata con cautela detta via si torna a immergersi nelle ultime propaggini residenziali di Caraglio fino a imboccare la via Rittanolo che con andamento leggermente in discesa in mezzo a campi e cascine ci porta in via Macagno, dove si incrocia la provinciale per Passatore che viene percorsa per un breve tratto in corrispondenza dell’attraversamento sul torrente Grana sino al centro della Frazione. Da qui si prosegue in direzione di Madonna dell’Olmo su via della Battaglia sino ad incrociare la svolta a desta per via della Grangia

Via della Grangia
Via della Grangia

da dove il percorso torna a risalire in direzione di San Defendente di Cervasca passando per via Carbonera. Da San Defendente si prosegue in direzione della “Rosa Rossa” da dove si svolta in direzione di Santa Croce sulla strada provinciale n. 41 che si abbandona dopo pochi chilometri svoltando a destra in via Panin. A Santa Croce si entra nell’interno della frazione e seguendo la via centrale si percorre a fianco di una zona residenziale continua tutto il tratto sino a raggiungere l’abitato di Vignolo (utilissimo il semaforo a chiamata per pedoni e ciclisti in corrispondenza dell’intersezione con la strada provinciale n. 41). Da Vignolo si imbocca via Nittardi dove con leggeri saliscendi si arriva a via Belvedere dove si svolta a sinistra e con un brevissimo tratto in salita si imbocca a destra via della Villa e successivamente via Valdarello da dove si ritorna, con un bellissimo tratto in discesa tra il verde del bosco al punto di partenza.

Via Valdarello
Via Valdarello

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente. Si consiglia inoltre di verificare sempre la percorribilità delle strade.