CN_12 - Il Buschese

Logo progetto ReVAL

Il percorso si snoda tra le falde dei rilievi collinari alle spalle di Busca e la pianura che si estende oltre il fondovalle Maira. Si percorrono strade secondarie che permettono di passare in rassegna alcuni tra i siti più significativi del paesaggio e della storia del Buschese, dalla base dei colli lungo via San Quintino, dove si intravede il castello romantico del Roccolo, alla chiesetta romanica di San Martino, dalla curiosa Torre medievale presso San Bernardo, alla storica Villa Mairana (poi, Villafalletto) sino alla casa natale di Bartolomeo Vanzetti. Non da meno la campagna saggiamente coltivata, tra Tarantasca e San Chiaffredo, con i cascinali e i vecchi mulini. Si conclude costeggiando il rio Talutto o, in alternativa, la facile ascesa alla Colletta di Rossana e il panoramico finale di via Santo Stefano con il tuffo finale sulla cittadina di Busca.

Partenza / arrivo: Busca – Piazza Fratelli Mariano N 44.513990° E 7.472453°.

Possibilità di parcheggio auto presso Piazza Fratelli Mariano N 44.513990° E 7.472453°.

Dati tecnici:

  • Dislivello: 360 metri circa
  • Sviluppo totale: 40 km circa
  • Quota di partenza: 501 metri
  • Altitudine massima: 626 metri
  • Difficoltà: FACILE
  • Manto stradale: asfaltato.

Periodo consigliato: marzo - novembre

Comuni attraversati: Busca, Villafalletto, Tarantasca.

Roadbook del percorso: CN_12 [PDF]

Traccia GPX per il GPS: CN_12

Descrizione:

Il percorso, completamente asfaltato, disegna due ampi anelli tra le falde dei rilievi collinari alle spalle di Busca e la pianura che si estende oltre il fondovalle del torrente Maira e si avvale di stradine secondarie che permettono di passare in rassegna alcuni tra i siti più significativi del paesaggio e della storia del Buschese.
Partendo dalla centrale piazza Fratelli Mariano si imboccano le vie del centro (Via Umberto I° e via Massimo D’Azeglio) sino a transitare in piazza Santa Maria dove si transita sotto l’omonima porta

Porta Santa Maria
Porta Santa Maria

sbucando in via Giolitti dove si prosegue in via Pes di Villamarina. Si inizia così ad uscire progressivamente dall’abitato in direzione delle frazioni di San Quintino, San Martino

Frazione San Martino
Frazione San Martino

arrivando ad incrociare la strada provinciale per Verzuolo che si imbocca a destra per poi abbandonarla dopo poche decine di metri svoltando a sinistra in direzione Attissano, passando per San Bernardo e via Pignolo arrivando sino all’abitato di Villafalletto. Termina quindi questo primo tratto nel quale a partire da via San Quintino, si inanellano una serie di vedute su dimore storiche che vanno dal castello romantico del Roccolo, alla chiesetta romanica di San Martino, dalla curiosa Torre medievale presso San Bernardo, a cui fu sovrapposto un campanilino barocco, alla storica Villa Mairana (poi, Villafalletto), con le memorie architettoniche medievali e settecentesche

Villafalletto
Villafalletto

e la casa natale di Bartolomeo Vanzetti. In Villafalletto l’itinerario passa all’interno del paese (via Ruderi del Castello, via Fontane, corso Sacco e Vanzetti, via Falletti , via dietro Fossati) per poi proseguire di nuovo in un tratto di campagna saggiamente coltivata sino a San Chiaffredo, ricco di cascinali e di vecchi mulini. Si percorre via Vigne,

Villafalletto - via Vigne
Villafalletto - via Vigne

via Tasnere via Pintura sino a Cascina Bicocca dalla quale si piega in direzione San Rocco, per attraversare poi la strada regionale proveniente da Cuneo imboccando via Vecchia di Cuneo. Si arriva così alla frazione San Chiaffredo, dalla quale si piega a destra in via Ferrera, via Bonaria

Castelletto di Busca
Castelletto di Busca

e via del Bosco (passando per l’omonima frazione) sino all’incrocio con la strada provinciale per Caraglio che imbocchiamo a destra e dopo poche decine di metri abbandoniamo per svoltare a sinistra in  via Ceresa che, passando per la frazione di Castelletto, seguiamo sino all’abitato di Morra San Giovanni da dove inizia la dolce salita che ci porta alla Colletta di Rossana. In cima (presente un monumento in memoria del compianto Marco Pantani), pochi metri prima dell’inizio della discesa verso Rossana, imbocchiamo a destra la strada in direzione Santo Stefano (via Eremo) che con percorso molto panoramico

Colletta di Rossana
Colletta di Rossana

in falsopiano prima e con il tuffo finale su via Francotto ci riportiamo alla partenza nel centro di Busca.

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente. Si consiglia inoltre di verificare sempre la percorribilità delle strade.