CN_18 - Pianura oltre Stura

Logo progetto ReVAL

L’itinerario in uscita dalla città si giova del percorso nel Parco fluviale Gesso e Stura che varca il fiume Stura sul ponte ciclo-pedonale Vassallo e prosegue in via antica di Vignolo, risalendo poi la riva fluviale dello Stura. Superata la frazione Confreria, il tracciato si allontana nell’aperta campagna varcando il ponte sul Grana dopo la frazione Passatore, dove costeggia il torrente lungo via Salvatora sino a raggiungere via Racot che viene percorsa verso la frazione di San Pietro del Gallo. Oltrepassato la stessa si sconfina per brevi tratti nei territori di Caraglio, di Busca e di Tarantasca, sino alla cascina Palazzo da dove inizia il ritorno verso Cuneo passando per le frazioni San Benigno e Roata Rossi.

Partenza / arrivo: Cuneo Piazza Foro Boario N 44,391771° E 7.545569°.

Possibilità di parcheggio auto presso i parcheggi di testata gratuiti presenti nel Comune di Cuneo.

Dati tecnici:

  • Dislivello: 250 metri circa
  • Sviluppo totale: 39 km circa
  • Quota di partenza: 543 metri
  • Altitudine massima: 559 metri
  • Difficoltà: FACILE
  • Manto stradale: prettamente su strade asfaltate con alcuni brevi tratti di sterrato.

Periodo consigliato: marzo - novembre

Comuni attraversati: Cuneo, Caraglio, Busca, Tarantasca.

Roadbook del percorso: CN_18 [PDF]

Traccia GPX per il GPS: CN_18

Descrizione:

L’itinerario parte dalla riqualificata Piazza del Foro Boario a Cuneo, attraversato corso Kennedy, si imbocca la discesa sulla sinistra che ci porta alle Basse Sant’Anna dove si coglie ancora la presenza degli edifici un tempo adibiti alla Filatura lungo le bealere Garavella e Grassa, documentazione di un’attività assai diffusa nella storia economica del cuneese. Attraversata la moderna e elegante pedancola ciclopedonale “G. Vassallo”

Ponte Vassallo
Ponte Vassallo

si raggiungono le Basse di Stura da cui a sinistra si imbocca la via antica di Vignolo, che ci accompagna in un percorso ai piedi della sponda del bacino fluviale tra muretti a secco e canali irrigui sino a via Cascina Pozzo che con una salita di circa 300 metri ci accompagna sulla provinciale per Vignolo che imbocchiamo a destra per poi svoltare immediatamente a sinistra per imboccare sulla nostra destra via Ricati che in breve ci porta sino a Confreria. Dalla piazza del paese attraversiamo la strada provinciale Cuneo – Caraglio e percorriamo via Molino Morra, che appena fuori dal nucleo residenziale si restringe e con una svolta prima a destra e successivamente a sinistra ci conduce in via del Passatore (sulla strada provinciale Cuneo – San Pietro del Gallo). Al bivio con via del Passatore svoltiamo a sinistra in direzione di San Pietro del Gallo e dopo pochi metri a destra imbocchiamo via della Grangia,

Via della Grangia
Via della Grangia

che percorriamo sino alle porte dell’omonima borgata dove svoltiamo a destra per arrivare successivamente a incrociare via della Battaglia.

Svoltiamo a destra e giungiamo alla frazione Passatore. Passiamo al suo interno per via Borgetto e successivamente a sinistra su via Rocca sino a raggiungere la rotatoria sulla strada provinciale n. 197 nei pressi della chiesa parrocchiale. Tenendo la destra percorriamo un breve tratto di provinciale fin oltre il ponte sul torrente Grana dopo il quale con una secca curva a destra imbocchiamo in leggera discesa via Salvatora che, per il primo tratto corre parallela al letto del torrente. La strada poi piega a sinistra e prosegue sino all’incrocio con via Brissa dove teniamo la destra per poi incontrare successivamente a sinistra via Antica di Saluzzo che ci porta in via Racot. A questo punto con una svolta a destra iniziamo un tratto rettilineo in falsopiano che ci porta all’abitato di San Pietro del Gallo ennesima frazione del vasto e variegato territorio del Comune di Cuneo.

San Pietro del Gallo
San Pietro del Gallo

Nell’abitato effettuiamo 2 svolte consecutive (la prima a sinistra e la seconda a destra) che in pochi metri ci fanno transitare su via del Bosco per poi imboccare via del Cimitero in corrispondenza della chiesa parrocchiale che ci conduce sino al bivio per la frazione di Villata in corrispondenza dell’incrocio con la strada provinciale per Caraglio. Attraversiamo l’incrocio per imboccare via Zoccolera e proseguire su via Tetto Racotto sino a Roata Galliano,

Roata Galliano
Roata Galliano

da dove imbocchiamo via Bonaria e successivamente svoltiamo a destra su via del Bosco che passando per l’omonima frazione (con attraversamento della strada provinciale per Busca) ci conduce sino a San Chiaffredo di Busca. Da San Chiaffredo imbocchiamo a destra via Antica di Cuneo, che ci accompagna a incrociare la strada provinciale n.179 in prossimità della rotatoria con la strada regionale dei Laghi di Avigliana che superiamo proseguendo in direzione di Tarantasca. Superato il passaggio a livello della linea Cuneo – Saluzzo troviamo sulla destra via Palazzo che imbocchiamo e ci conduce all’omonima cascina,

Cascina Palazzo
Cascina Palazzo

da dove proseguendo su via delle Monache raggiungiamo nuovamente il torrente Grana in frazione San Benigno. Da San Benigno proseguendo a destra  su via dell’Abbazia raggiungiamo la frazione di Roata Rossi nella quale transitiamo per il centro e successivamente proseguiamo diritti su via Campagna sino ad arrivare in via della Battaglia dove viriamo a sinistra in direzione di Madonna dell’Olmo. Alle porte della frazione prima del ponte sulla ferrovia svoltiamo a destra in  via Roncata che percorriamo interamente sino a raggiungere via Valle Maira dalla quale con poco percorso ci troviamo sul viadotto Soleri (dal quale è consigliata una sosta per osservare il magnifico panorama) e ritornare al punto di partenza passando per corso Soleri e piazza Galimberti.

Piazza Galimberti
Piazza Galimberti

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente. Si consiglia inoltre di verificare sempre la percorribilità delle strade.