CN_19 - Centallese

Logo progetto ReVAL

Il percorso si estende nel territorio pianeggiante a Nord della Città di Cuneo. E’ particolarmente adatto per le escursioni facili e rilassanti fuori città lungo le stradine di campagna. Si toccano le frazioni dell’Oltrestura di Madonna dell’Olmo, Roata Rossi e San Benigno su stradine secondarie con solo alcuni attraversamenti sulla viabilità principale. Successivamente si raggiunge dapprima Tarantasca e di seguito l’abitato di Centallo da dove si inizia a tornare verso Madonna dell’Olmo passando per la tenuta di Villa Tornaforte e il Santuario di Madonna della Riva. Per tutto l’itinerario si pedala tra campi coltivati e cascinali, utilizzando in parte la viabilità antica, fiancheggiata dai fossi e bordata dai salici e con la costante scenografia della cerchia alpina all’orizzonte.

Partenza / arrivo: Cuneo Piazza Foro Boario N 44,391771° E 7.545569°.

Possibilità di parcheggio auto presso i parcheggi di testata gratuiti presenti nel Comune di Cuneo.

Dati tecnici:

  • Dislivello: 250 metri circa
  • Sviluppo totale: 38 km circa
  • Quota di partenza: 543 metri
  • Altitudine massima: 546 metri
  • Difficoltà: FACILE
  • Manto stradale: prettamente su strade asfaltate con alcuni tratti sterrati.

Periodo consigliato: marzo - novembre

Comuni attraversati: Cuneo, Tarantasca, Centallo.

Roadbook del percorso: CN_19 [PDF]

Traccia GPX per il GPS: CN_19

Descrizione:

Il percorso ad anello si estende nel territorio pianeggiante a Nord della città di Cuneo, oltre il bacino del fiume Stura, e utilizza in gran parte le stradine secondarie esistenti, di cui solo due brevi tratti sterrati (complessivi km 1,9). E’ particolarmente adatto per le escursioni facili e rilassanti fuori città lungo le stradine di campagna. Dalla riqualificate piazza Foro Boario si imbocca via Pascal e si transita nella centrale piazza Galimberti dalla quale si imbocca a destra corso Soleri

Corso Soleri
Corso Soleri

che ci conduce sull’omonimo viadotto dal quale si può ammirare il magnifico panorama sul centro della città e sulle montagne che la circondano. Usciti dal Viadotto si pedala per alcuni metri in direzione Confreria per poi svoltare subito a destra in via Roncata dove si abbandona il tratto trafficato in uscita dalla città per pedalare tranquilli in direzione di Madonna dell’Olmo passando per Villa Oldofredi Tadini pregevole esempio di dimora storica. Giunti a Madonna dell’Olmo (l’ultimo tratto di strada corre a fianco della ferrovia sul bordo della scarpata), si svolta a destra su via della Battaglia sino ad incrociare di nuovo a destra via Campagna che con piacevole percorso ci conduce a Roata Rossi.

Parrocchiale di Roata Rossi
Parrocchiale di Roata Rossi

Attraversato il centro della frazione si giunge in via Rocca dove si svolta a destra dove una volta superata la rotatoria sulla strada regionale dei Laghi di Avigliana il percorso prosegue su via dell’Abbazia sino a San Benigno. In prossimità della piazza della frazione una svolta a sinistra ci fa percorrere via delle Monache sino alla strada provinciale n. 169 dove svoltiamo a sinistra in direzione San Chiaffredo e successivamente dopo poche centinaia di metri a sinistra in via san Benigno. In corrispondenza dell’incrocio con via del Giogo

Tarantasca
Tarantasca

svoltiamo nuovamente a destra in direzione di Tarantasca. Raggiunto il centro cittadino lo attraversiamo passando in via Vittorio Veneto e via Bellini sino ad arrivare sula strada provinciale n. 25 che percorriamo per circa 200 metri per poi svoltare rapidamente a destra in via Cascinotte da dove, passando per Regione Boschetti, ci dirigiamo verso il centro cittadino di Centallo che attraversiamo e superiamo in direzione della pista ciclabile sulla strada regionale n.20 che ci porta ad imboccare via Torre Roà poco prima della regione San Quirico.

Regione San Quirico
Regione San Quirico

Oltrepassato Regione San Quirico raggiungiamo la borgata di Torre Roà e lungo l’omonima strada

Strada di Torre Roà
Strada di Torre Roà

arriviamo sino alla strada provinciale n. 25  che attraversiamo per imboccare via Guido Martino che ci porta in un tratto in una zona commerciale in via F.lli Silvestro. Di qui passando per via antica di Busca, via Crissolo, via Casteldelfino e via Torre Allera arriviamo sino alla Villa Tornaforte, e attraversata via Torino imbocchiamo un tratto in leggera discesa che ci conduce al Santuario di Madonna della Riva

Santuario di Madonna della Riva
Santuario di Madonna della Riva

dal quale risalendo verso Circonvallazione Nord e passando per  salita Bellavista ritorniamo al punto di partenza di piazza Foro Boario.

Declinazione di responsabilità

Si declina ogni responsabilità per eventuali incidenti, inconvenienti o conseguenze dannose che possano derivare dalle informazioni divulgate (descrizioni, tracce, foto, etc.). Gli itinerari vengono percorsi sotto la completa responsabilità dell’utente. Si consiglia inoltre di verificare sempre la percorribilità delle strade.